Seguimi su Facebook...

1 giorno fa

Luca Costamagna

Sono tempi duri per viaggiare ma non per parlare di viaggi, per sognare, per aprire la propria mente. "Un Venerdì, un libro" oggi ospita Eleonora Sacco, autrice del libro "Piccolo alfabeto per viaggiatori selvatici" edito da Enrico Damiani Editore. Modera Irene Dominioni, giornalista. ... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

2 giorni fa

Luca Costamagna

Dallo Spazio Teatro NO'HMA scopriamo le antiche storie tramandate oralmente da maestro ad allievo di quest’arte intangibile coreana divenuta patrimonio immateriale dell’UNESCO. ... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

3 giorni fa

Luca Costamagna

Quarant'anni fa, oggi, il brigadiere Ezio Lucarelli veniva ucciso nell'adempimento del suo lavoro. Aveva trentacinque anni, una moglie, una figlia e una dedizione ad un lavoro che amava.

Oggi, vista la situazione sanitaria, non ci è stato possibile ricordarne la morte con una doverosa cerimonia, ma ugualmente lo abbiamo voluto ricordare con la Presidente di Municipio Caterina Antola il consigliere Filippo Andrea Rossi e i rappresentati dell'Arma.

Da qualche mese i giardini del quartiere Feltre che portano il Suo nome accolgono tanti bambini con dei giochi nuovi e inclusivi, fruibili da tutti indipendentemente dalla propria condizione fisica.
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

3 giorni fa

Luca Costamagna

🌳 buona giornata dal Parco Lambro, dove ora si può 'ammirare' il Bosco dello Svizzero.

➡️ L'area di 45.000 mq, limitrofa al parco Lambro, è stata sistemata dal proprietario, secondo le indicazioni degli agronomi del #ComuneMilano.

➡️ I lavori del #PianoQuartieri hanno previsto la messa in sicurezza e la pulizia di tutta la superficie, inutilizzata da anni, dalla vegetazione erbacea e dagli arbusti cresciuti spontaneamente.

➡️ È stato seminato il prato, sono state censite le piante presenti e da salvaguardare e rimosse quelle pericolose e morte.

Per approfondire 👉 bit.ly/PianoQuartieri

#raccontidaicantieri
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

3 giorni fa

Luca Costamagna

Continuiamo la rubrica "Un Venerdì, un libro": domani l'appuntamento è con Eleonora Sacco che ci presenta il suo libro "Piccolo alfabeto per viaggiatori selvatici" per Enrico Damiani Editore.

Eleonora è una “rotolacampo selvatica”, entusiasta, biciclettara, consumatrice seriale di infusi, specie se comprati dalle babushki streghe dei mercati postsovietici :-)

Sono tempi duri per viaggiare: domani potremo farlo idealmente, con le parole, i racconti e le "immagini" dei viaggi di Eleonora.

Vi aspetto su questa pagina Venerdì 27 alle ore 18, ci aiuterà a dialogare Irene Dominioni

#unvenerdiunlibro #libri #viaggi #cultura
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

3 giorni fa

Luca Costamagna

La compagnia teatrale Alma Rosé in collaborazione con il Municipio 3 questa sera condivide lo spettacolo Barbablu'

#25novembre #cultura #teatro
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

4 giorni fa

Luca Costamagna

Buone notizie dall'Istituto Nazionale dei Tumori che ha vinto il premio innovazione Lean Healthcare & Lifescience AWARD 2020 per un progetto che riguarda la riorganizzazione degli ambulatori di terapie oncologiche con l’obiettivo di sfruttare al meglio le risorse ambulatoriali disponibili e facilitare la programmazione del percorso di trattamento dei pazienti

#istitutotumorimilano #int #leanhealthcare #lifesciencesaward #awards2020 #healthcare #oncologicaltherapy #pharma #medicaldevice #fiaso #federsanità #aioptelosconsulting #universitàsiena #iaopi #sifo #ingesan‼️ 🏆 ‼️
L'Istituto Nazionale dei Tumori vince il premio innovazione Lean Healthcare & Lifescience AWARD 2020

Il progetto “Agende, programmazione integrata delle terapie oncologiche ambulatoriali” realizzato all’Istituto Nazionale dei Tumori ha vinto il premio come più innovativo del Lean Healthcare e Life Science AWARD 2020.

Il progetto riguarda la riorganizzazione degli ambulatori di terapie oncologiche con l’obiettivo di sfruttare al meglio le risorse ambulatoriali disponibili e facilitare la programmazione del percorso di trattamento dei pazienti. “Il gruppo di lavoro ha studiato una piattaforma informatica centrata sulla programmazione, sulla trasparenza e la condivisione delle informazioni” – spiega l’ing. Michele Torresani, Responsabile Gestione Operativa di INT. “Abbiamo preso in esame tutto il percorso per individuare le criticità e i cosiddetti “colli di bottiglia”. Con la collaborazione attiva dei medici specialisti stiamo sperimentando e ottimizzando un sistema automatizzato che programma i cicli di terapia prescritti e le rispettive visite di controllo.”. La fase operativa del progetto è iniziata lo scorso febbraio con il coinvolgimento dell’Ematologia e successivamente dell’Oncologia Medica 2 e dell’Oncologia Medica 3. “Il sistema è in continuo perfezionamento, grazie ai dati di utilizzo raccolti e ai suggerimenti dei professionisti e dei Pazienti. Il 5 novembre abbiamo avviato la riorganizzazione del Centro Prelievi e questo ha consentito di ridurre i tempi di attesa dell’85%”.

Lean Healthcare e Lifescience AWARD 2020 è la competizione a cui possono partecipare aziende sanitarie pubbliche e private e appartenenti ai settori pharma e medical device. È organizzata da FIASO, Federsanità Anci, Aiop, Telos consulting, Università di Siena, e con il patrocinio di SIMM, Farmindustria, Confindustria dispositivi medici, IN.GE.SAN, AOPI e SIFO.

#istitutotumorimilano #int #leanhealthcare #lifesciencesaward #awards2020 #healthcare #oncologicaltherapy #pharma #medicaldevice #fiaso #federsanità #aioptelosconsulting #universitàsiena #iaopi #sifo #ingesan
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

4 giorni fa

Luca Costamagna

Sono 1.076 le donne che, nel primo semestre del 2020, si sono rivolte alla rete antiviolenza del Comune di Milano e sono state supportate nel percorso di fuoriuscita dalla violenza. Di queste, 760 sono entrate in contatto per la prima volta con uno dei nove Centri antiviolenza presenti in città, con una riduzione del 24% (rispetto all’anno precedente) delle richieste di aiuto nei mesi di marzo e aprile: dato che è dovuto alla maggiore difficoltà per le donne che subiscono violenza, spesso costrette in casa con i loro maltrattanti, di chiedere aiuto durante il lockdown.

In quello stesso periodo si è invece intensificato (+36%) il lavoro delle operatrici dei centri che hanno affiancato e sostenuto le donne già in carico.
La maggior parte delle donne intercettate (oltre 670) ha un’età compresa tra i 20 e i 49 anni, ma il numero è significativamente alto anche nella fascia tra i 50 e i 69 anni (circa 220). Le donne che hanno subìto maltrattamenti e violenza domestica sono, nel 62% dei casi, italiane e quasi sempre la violenza subita è di tipo psicologico (circa 800) o fisico (oltre 600), anche se non mancano i casi di violenza di tipo economico (oltre 200), sessuale (oltre 150) e stalking (oltre 100). Molto spesso si sovrappongono e coesistono diversi tipi di soprusi. Nel 75% dei casi i maltrattanti sono mariti, ex mariti, conviventi o ex conviventi, partner o ex partner.

A queste ragazze e a queste donne le strutture convenzionate con il Comune hanno offerto accoglienza, ascolto attraverso colloqui telefonici o in sede, assistenza sanitaria, legale, consulenza psicologica o psichiatrica, facilitando in molti casi la loro presa in carico da parte dei Servizi sociali. Inoltre, 57 donne seguite dai centri antiviolenza sono state ospitate delle nove case rifugio convenzionate con il Comune di Milano, in prima linea da anni nella lotta alla violenza di genere

Come Municipio poi voglio sottolineare l'imoegno per iniziative culturali ed educative che da anni sosteniamo: proprio in questi giorni voteremo il nuovo documento di programmazione per i prossimi anni e tra i primi tre puntu, insieme alla tutela dell'ambiente e al sostegno alle fragilità sociali, vi é proprio questo.

#noallaviolenzasulledonne #25novembre

https://vimeo.com/482752629
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

5 giorni fa

Luca Costamagna

E' un momento molto difficile per la nostra città e anche il nostro municipio che ha sempre presentato forme diverse di povertà e bisogni, con l'avvento della pandemia, non conosce più zone o parti di esse "sicure" da un punto di vista economico.

Inoltre come ben ha registrato Caritas Ambrosiana (e non solo) se nella prima fase di questa emergenza vi era in qualche misura una fiducia sul futuro e sulla possibilità di riscatto, ora è venuta meno.

Abbiamo deciso nei giorni scorsi (e continueremo nelle prossime settimane) di sostenere ancora di più degli scorsi anni le realtà che sul territorio aiutano direttamente e in modo concreto i poveri e hanno il polso della situazione sulle condizioni di povertà, alimentari certo ma anche del pagamento di una bolletta.

Il sostegno a queste realtà diventa forma concreta per dare pacchi alimentari e sostenere l'impegno alimentari di mense, di associazioni che distribuiscono cibo, di reti del progetto QuBi e della parrocchie che giorno per giorno, in silenzio, accompagnano tantissime persone.

Noi ci siamo e ci saremo. Nella slide trovate i nomi di questi ulteriori sostegni che -lo ribadisco- non saranno gli ultimi. Le risorse sono superiori a 15.000 euro e andremo avanti per fare la nostra parte.Per accompagnare la difficile fase che stiamo vivendo e in particolare il mese di Dicembre il Municipio 3 ha deciso di sostenere economicamente le realtà del territorio per la grande povertà alimentare che attraversa i quartieri che lo compongono e in particolare: il quartiere Ortica-Rubattino con il sostegno all'Emporio della Carità di via Pitteri; il quartiere Città Studi-Casoretto con il sostegno alla mensa di via Ponzio Le suore della mensa che continua il suo impegno con i sacchetti alimentari e alla Ronda della Carità; il quartiere Venezia con il sostegno alla mensa dei frati in viale Piave; il quartiere Lambrate - Rizzoli con le reti QuBì.

Un prezioso aiuto è svolto in modo capillare e continuo anche dalle parrocchie dei tre decanati Porta Venezia - Città Studi - Lambrate attraverso le attività delle caritas e San Vincenzo parrocchiali e dei banchi alimentari: anche a loro viene e verrà dato massimo sostegno.

Continueremo ad aggiornare sulle forme e quantificazioni dei sostegni dati a realtà che vivono il territorio e aiutano direttamente chi domanda cura, consapevoli che, come i dati ci mostrano, la povertà alimentare continua ad aumentare in modo rapido e diffuso.

#politichesociali #sostenerechisostiene #povertà #municipio3
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

5 giorni fa

Luca Costamagna

Casa Museo Boschi Di Stefano può ufficialmente percorrere la strada per la realizzazione del progetto "Il museo che sale".

In questi quattro anni di mandato "valorizzare il territorio" per noi è stata una mission importantissima, in modo prioritario proprio sulla casa che l'Architetto Portaluppi ha progettato in via Jan 15.

Il lavoro portato avanti giorno per giorno in collaborazione costante con la Direzione Casa Museo Boschi Di Stefano del Comune di Milano ci ha visti impegnati, come Municipio in particolare con le consigliere Federica Merlo e Francesca Zanasi ad aprire la casa, fisicamente, virtualmente e soprattutto con interazioni di ogni tipo, al territorio, alla cittadinanza, a quanti ancora non conoscevano questo autentico gioiello del '900.

Il lavoro portato avanti in collaborazione con la competenza e cura della dott. ssa Maria Fratelli e di tutta la Sua Unità Speciale potrà così meglio proseguire, a servizio della città, dei cittadini.

Ringrazio il Consiglio Comunale che ha votato all'unanimità la decisione di togliere dal piano delle valorizzazioni degli immobili dell'amministrazione il terzo piano della Casa e in particolare i consiglieri Angelo Turco Filippo Barberis Roberta Osculati Marzia Pontone

Ringrazio moltissimo per il lavoro e ascolto, la Vice-Sindaco Anna Scavuzzo l'Assessore al Demanio Roberto Tasca per il lavoro svolto per questo "primo risultato": lo stralcio dal piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliare dell'immobile del terzo piano.

Ora un piano strategico per la valorizzazione culturale della Casa Museo!

#casamuseoboschidistefano #labellezzasalveràilmondo #cultura
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

1 settimana fa

Luca Costamagna

Buona giornata da via don Calabria, quartiere Rizzoli. Un mesetto fa avevo ricevuto segnalazioni per far rimuovere una vecchissima tettoia per le bici installata lì forse da vent'anni, se non di più.

Ammalorata e non in grado di proteggere più le bici, impossibile da sistemare, era un vero pericolo ma anche una piccola "bruttura" da vedere. Dopo una decina di email il piccolo risultato è raggiunto :-)

E quando parliamo di bellezza, ricucitura degli angoli di ogni quartiere non dobbiamo pensare solo a quei punti "visibili" ma a tutti quei luoghi più nascosti ma che ci sono, e dove vivono le persone. Qui siamo alle spalle del c.d. "giardino dei ciliegi" che negli anni scorsi abbiamo fatto sistemare con le proposte degli studenti delle scuole prospicienti ma il punto è questo: davvero come "il brutto chiama il brutto", "il bello chiama il bello".

Vedremo se far installare una nuova tettoia, in realtà ci sono rastrelliere poco più avanti proprio vicinissimo alla fermata della metropolitana Cimiano.

#rizzoli #anchelepiccolesegnalazionisonoimportanti #ilbellochiamailbello
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

1 settimana fa

Luca Costamagna

"Il teatro ai tempi della peste. Modelli di rinascita" è il libro di Alberto Oliva, regista teatrale, scrittore e giornalista. Scritto durante il primo lockdown, edito da JacaBook, racconta le storie di tante chiusure che il mondo teatro ha dovuto subire ma anche alcuni scenari per una ripresa, lenta, faticosa, ma pur sempre visibile e da sostenere.

Vi aspetto alle 18 per parlarne con l'autore Alberto Oliva
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

1 settimana fa

Luca Costamagna

tra pochissimo in diretta con Alberto Oliva!

#unvenerdiunlibro
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

1 settimana fa

Luca Costamagna

Il 20 novembre del 2018 Silvia Romano veniva rapita. In questo durissimo 2020 abbiamo potuto invece gioire per la sua liberazione. Non dimentico la felicità del quartiere Casoretto, in cui ho la fortuna di abitare, che sorrideva dai balconi per una giovane donna ritrovata.

Purtroppo una parte della festa è stata rovinata da certi atteggiamenti di odio che ormai i social sappiano sanno alimentare e non solo veicolare. Ma erano commenti di persone vere, non di profili falsi.

Ma il quartiere é andato oltre, perche quando torna una persona rapita l'unica cosa da fare è condividere la gioia della famiglia come a dire che la città é una famiglia.

Il 20 Novembre é solo un brutto ricordo, Silvia é tornata.
... ContinuaRiduci

Continua su Facebook

Contatti

Mail ufficiale: info@lucacostamagna.it