lucaCostamagna
MilanoCittaNuova

Assessore di Municipio 3, mi candido in Consiglio Comunale di Milano per le Elezioni 2021

Schermata 2021-08-24 alle 17.37.05

Cultura e Quartieri

Maggiore flessibilità e disponibilità degli orari di apertura di musei e luoghi di cultura per una fruizione gratuita a misura di cittadino e famiglia

E non solo…

Spazio Pubblico

Dotare Milano di una cintura verde collegando i parchi di Milano Est: Parco Lambro, Parco della Lambretta (Rubattino) e Parco Forlanini

E non solo… 

Ridurre le Fragilità

Sostegno partecipato del Comune per ridurre i canoni d’affitto alle famiglie, ai giovani, agli studenti

E non solo…

EVENTI E SPETTACOLO

Avere un Assessore agli Eventi e al Tempo Libero, Evolvere l’ Ufficio Unico dello Spettacolo, snellire la burocrazia

E non solo…

Sport e camminabilitÀ

Una zona pedonale per ogni Municipio;

Semplificazioni per organizzazioni eventi in città

E non solo…

VUOI AIUTARE LUCA?

Scopri qui come attivarti e ricevere materiali e istruzioni

NOVITA' DAI MIEI PROFILI SOCIAL

8 ore fa

Luca Costamagna
IL PNRR NEI MUNICIPI 2 E 3 interventi di Carmine Pacente, Simone Locatelli, Caterina Antola ... ContinuaRiduci
Continua su Facebook

10 ore fa

Luca Costamagna
Vi aspetto alle 19 per parlare degli investimenti che realizzeremo grazie al PNRR nei quartieri del Municipio 2 e del Municipio 3.A tra poco su questa pagina! ... ContinuaRiduci
Continua su Facebook

2 giorni fa

Luca Costamagna
La pandemia non si ferma, ma nemmeno l'arte: é questa la notizia.La città è aperta per accogliere quanti, in sicurezza, vogliono continuare a mantenere un legame con la bellezza. Ci sono molti settori del comparto cultura che continuano a vivere in una frustrante precarietà a motivo della situazione che stiamo vivendo, fanno notizia le immagini delle città, tra cui Milano, "deserte" ma in realtà Milano solo tra Gennaio e Febbraio può offrire molto. Viviamo i tesori che offre la nostra città.Nel primo commento a questo post trovi la brochure con l'elenco completo delle mostre attive! ... ContinuaRiduci
Continua su Facebook

3 giorni fa

Luca Costamagna
Oggi ricordo don Antonio Riboldi, nel giorno del suo compleanno, perché l'Italia non può dimenticarlo.Queste foto lo ritraggono in uno dei suoi viaggi a Roma, per portare i bambini del Belice in udienza da Paolo VI, dal presidente Leone e poi Pertini, dal presidente Moro e alla Camera dei deputati. Un viaggio seguito a oltre 700 letterine inviate ai parlamentari per descrivere le gravi condizioni in cui vivevano da anni (1968), in baracche, nella precarietà di un territorio completamente distrutto, senza lavoro ma con molta mafia. "Don Terremoto" veniva chiamato.Paolo VI lo fece poi Vescovo di Acerra, dove, nonostante tanti prelati pronti al carrierismo, la sede era vacante da più di vent'anni e stava per essere soprpressa: troppo scomodo andare in un luogo cosi difficile, dove non potevi mosrrare il potere perché il potere era in mano ai boss locali. Riboldi andò per servizio, da subito denunciando il bisogno di scegliere da che parte stare, invocare le conversioni di tanti e richiamare ai doveri umani e morali, prima che (eventualmente) spirituali, una città a lungo ferita di cui divenne autorità morale, paterna guida.Contribuì con la sua azione di persuasione a rompere il muro di omertà, suscitando pentimenti e collaborazioni con la giustizia. Lo stesso boss Raffaele Cutolo volle incontrarlo durante la sua detenzione per potersi confessare.A differenza di altri vescovi a guida di diocesi di dimensioni non particolarmente grandi, la sede di Acerra non fu per Lui trampolino di lancio per altre: non si poteva sostituire una persona cosi, non c'era la fila per succedergli e stette lì fino alla pensione.Voleva dedicarsi agli studi e all'insegnamento, ma la vita lo chiamò all'azione operosa. Anziché una vita ritirata tra i libri e qualche conferenza per cui eea portato, ebbe una lunga esistenza tra rischi, pericoli e intense relazioni con la sua comunità. Oggi tanti nella chiesa parlano di periferie e poveri ma quanti vivono con loro, insieme, con quella compassione, qualla condivisione, quella semplicità di dover stare li non per apparire ma perché é semplicemente giusto cosi? Raggiunta l'età pensionabile l'agenda diventò quasi più fitta tra incontri e testimonianze in tutta Italia.Ci sono le periferie e le povertà mediatiche e le periferie, quelle vere. Riboldi scelse le seconde. Ricordarlo é davvero un dovere e una provocazione per chiunque svolge un ruolo pubblico in particolare, ma in realtà per ogni cittadino. ... ContinuaRiduci
Continua su Facebook

5 giorni fa

Luca Costamagna
IL PNRR NEL MUNICIPIO 2 E NEL MUNICIPIO 3Martedì scorso con Graziano Delrio Anna Scavuzzo e Silvia Roggiani abbiamo cominciato a conoscere meglio le grandi opportunità del PNRR.Vi aspetto al secondo incontro che ho organizzato, per Martedì 18 Gennaio alle ore 19 su questa pagina, insieme al mio collega in consiglio comunale Carmine Pacente, presidente della commissione Fondi Europei e PNRR e a Simone Locatelli presidente del Municipio 2 e a Caterina Antola presidente del Municipio 3.#PNRR #politica #fondieuropei #territori #Municipi #milano ... ContinuaRiduci
Continua su Facebook

CHI SONO

Nato a Milano, cresciuto tra Lambrate e Città Studi, amministratore di condominio, vivo nel quartiere Casoretto con mia moglie Chiara e nostro figlio Pietro.
Dal 2016 sono Assessore alla Cultura del Municipio 3 e dal 2020 anche alle Politiche Sociali.

In questi anni ho promosso un programma di cultura diffusa per tutti i quartieri del nostro Municipio in sinergia con i teatri, associazioni, giovani e nuove realtà. Ho valorizzato l’Auditorium Cerri di via Valvassori Peroni, oggi protagonista della vita musicale della città e la Casa Museo Boschi Di Stefano, finalmente più visitata e vissuta in tutti i suoi spazi.

Durante il lockdown ho ideato e promosso la campagna “Per un buon vicinato” volta alla collaborazione tra cittadini, istituzioni, mense e realtà del terzo settore. Voglio continuare il mio impegno in Comune, per ricucire i quartieri valorizzandone le potenzialità culturali, aumentare le connessioni tra territori, persone e comunità e dare risposte alle fragilità.